CUBA...OLTRE AL MARE C’E’ DI PIÚ

Con nostra sorpresa ci siamo resi conto che non vi abbiamo mai parlato abbastanza di uno dei nostri viaggi più belli e completi fatti durante questi anni.

Si tratta di uno di quei viaggi con la V maiuscola, di quelli che come ricordo non ti lasciano solo delle belle immagini di panorami...ma anche qualcos’altro.

Il paese di cui vi stiamo per parlare è Cuba.

Un’isola che viene immaginata un pò da tutti (e forse anche da noi prima di andarci) per le sue meravigliose spiagge dalle acque caraibiche o per le coloratissime macchine americane anni ’50, per l’ottimo rum, per la salsa e la rumba.

Che poi, anche solo per tutto questo meriterebbe di essere visitata, ma per noi Cuba è stata molto molto di più.

Naturalmente non si può non passare prima dalla sua intrigante e affascinante capitale l’Havana, di cui però vi abbiamo già parlato in un precedente articolo.

Ciò che ci ha spiazzati e stupiti di Cuba è stata soprattutto la sensazione di viaggiare indietro nel tempo, come se prendendo l’aereo non fossimo solo andati in un altro continente ma anche in un altro spazio temporale.

Per le strade è più facile vedere carrozze con cavalli piuttosto che macchine, contadini che trasportano il latte con dei carretti di legno, un pò come si faceva un tempo e animali che scorrazzano liberi ovunque...casette tutte colorate, con le immancabili sedie a dondolo sulla veranda.

Insomma quella che si percepisce è un’atmosfera semplice e incontaminata, dove tutto sembra essersi fermato.

Consultando il sito di Voyage privè ad esempio, si possono trovare tutte le diverse tipologie di alloggi nelle varie zone di Cuba ma anche numerose offerte sui voli.

Per vivere ancora di più l’autenticità di questo luogo ed entrare a stretto contatto con il suo popolo noi abbiamo deciso di soggiornare, durante tutto il nostro viaggio, nelle tipiche e famose case particular (case private molto simili ai nostri bed and breakfast).

Qui siamo stati accolti ogni volta come dei cari amici e ritrovarsi a cena tutti insieme come fossimo parte della loro famiglia, ballare e cantare le loro canzoni e ascoltare le loro storie è stato forse, l’emozione più grande e il ricordo più bello che ci ha lasciato questo paese.

Quella sensazione di semplicità che si respira e si percepisce soprattutto nella valle di Viñales, che si trova nella parte più occidentale di Cuba.

Una valle che sembra rimasta all’era giurassica con i suoi giganteschi mogotes, particolari formazioni calcaree che si sono create attraverso un processo di erosione circa 160 milioni di anni fa!

Valle di Viñales

Il modo migliore per visitare questo parco nazionale, che è divenuto anche patrimonio dell’umanità, è stato per noi attraverso un’escursione a cavallo...durante la quale abbiamo visitato anche piantagioni di caffè e tabacco, visto che quest’ultimo si dice sia il migliore al mondo, e assistito anche alla creazione dei famosissimi sigari cubani.

Dalla natura incontaminata di Vinales ci siamo spostati poi in una delle città più importanti di Cuba...Cienfuegos!

La Ciudad che mas me gusta a mi” come recita una canzone del famoso artista Benny Morè.

Affacciata sul mare questa cittadina si presenta ai nostri occhi elegante, in perfetto stile coloniale, colorata e dall’anima caraibica, anche se, balli sfrenati e musica a tutto volume fino alle 4 del mattino lungo le vie della città, a tratti l’hanno resa anche troppo caraibica, ma Cuba è anche tutto questo e alla fine non puoi non farti coinvolgere e trascinare dal clima di festa che da queste parti sembra non finire mai.

Inoltre da Cienfuegos si possono fare anche numerose escursioni, come prendere un traghetto e raggiungere il vecchio forte de Jagua costruito un tempo dagli spagnoli contro gli assalti dei pirati.

Roccaforte di Jagua

Ma se Ciuenfuegos ci è piaciuta tanto Trinidad ci ha letteralmente fatti innamorare.

Non a caso è la località più visitata del centro di Cuba e a nostro parere la città più bella.

Attraente e colorata Trinidad è la citta coloniale meglio conservata e restaurata di tutto il paese tanto da essere stata proclamata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.

E se un pò ovunque si ha la sensazione di un ritorno al passato, qui è il luogo dove viene rievocato di più in assoluto, con le sue stradine acciottolate prive di traffico dove le persone camminano tranquille, case color pastello e carretti trainati da cavalli o da muli.

Centro storico di Trinidad

Plaza Mayor è la sua piazza principale, un po' il fulcro della città, sulla quale si affacciano i principali musei e sulla sua famosissima scalinata si può godere alla sera di uno dei tanti spettacoli di musica dal vivo.

Quando arriva il momento di salutare Trinidad ci giriamo indietro più e più volte come se non volessimo lasciarla.

Ogni persona che qui abbiamo incontrato e con cui abbiamo avuto modo di parlare ci ha raccontato la sua storia, abbiamo ascoltato racconti di un passato non semplice, fatto di dittatura e di rivoluzione, e nella cittadina di Santa Clara che si trova al centro dell’isola, si rivive un pò tutto questo in quanto è stata teatro dell’ultima battaglia tra i militari del dittatore Batista e i ribelli del comandante Ernesto Che Guevara, qui infatti si trova il grandissimo mausoleo dedicato proprio a quest’ultimo che ne contiene i resti ed una statua che lo raffigura con sotto scolpito il suo motto “Hasta la Victoria Siempre”.

Mausoleo Ernesto Che Guevara

Abbiamo attraversato tutta l’isola arrivando nel punto più a Sud, Santiago de Cuba, la citta più grande dopo l’Havana ma soprattutto (per noi) quella più calda al mondo!

Turbolenta, caotica e disordinata ma comunque affascinante, con la sua piazzetta principale Parque Céspedes che brulica di vita a tutte le ore o il parco nazionale della Gran Piedra sulla sierra maestra, dalla quale dopo una ripida salita di qualche km, si possono vedere Haiti e la Jamaica.

Santiago ce la ricordiamo anche per un meraviglioso spettacolo di rumba al Tropicana (https://www.cabaret-tropicana.com/en/), o per una bella birra fresca bevuta sulle bellissime sedie a dondolo della nostra casa particular.

Casa particular a Santiago de Cuba

Siamo partiti per questo viaggio carichi di aspettative che sono state ampiamente superate da questo paese che ha veramente tanto da offrire.

E’ vero, a Cuba il mare è pazzesco, è paradisiaco, caraibico, spiagge con sabbia bianchissima e acque cristalline dal color smeraldo… Cayo Coco, Cayo Santa Maria, Cayo Largo (https://www.voyage-prive.it/offerte/vacanze-a-cayo-largo), solo per citarne alcuni, sono dei veri e propri paradisi…ma ci sentiamo di dire che se venite da queste parti non fermatevi solo a quello, perchè a Cuba c’è molto molto di più.

Scrivi commento

Commenti: 0

Seguici anche tu!