Ultimi Articoli


Tour delle Fiandre

4 Giorni 3 Notti

 

1° Giorno: Bruxelles

 Partenza dall’aeroporto di Pisa con volo Ryanair: 

  • Pisa 09:15 – Bruxelles Charleroi 11:05

Appena atterrati ci dirigiamo alla stazione degli autobus (Brussels City Shuttle) dove saliremo sul primo che ci condurrà verso il centro della capitale belga che dista circa 62 km dall’aeroporto. Partenze ogni mezzora a partire dalle 08:30 tempo di percorrenza 55 minuti ca. Una volta sistemati nel nostro albergo iniziamo il nostro giro per le vie di Bruxelles. Prima tappa è ovviamente a una delle piazze più belle del mondo: la Grand Place, una volta osservati i numerosi palazzi che la adornano continuiamo il nostro percorso con la visita del Manneken Pis la celebre statua di un bambino che fa la pipì, e risalendo la nostra passeggiata continua in Rue des Bouchers e Petite Rue des Bouchers due vicoli alquanto pittoreschi, fino a fermarci alla Jeanneke Pis, la sorellina del Manneken Pis. Successivamente visiteremo il museo del fumetto Centre Belge de la Bande Dessineé:

  • Aperto tutti i giorni dalle 10:00 alle 18:00, prezzo d’ingresso € 10

 Nel tardo pomeriggio ci sposteremo nella zona di Place Royale e dopo nell’adiacente quartiere di Sablon dove spicca l’Eglise Notre Dame du Sablon. In serata ci fermeremo in un locale del centro dove poter assaggiare le specialità belga accompagnate con una delle tante birre artigianali (Delirium Cafè pub con 2000 tipologie di birre). Pernottamento all’Husa President Park.

leggi di più 0 Commenti

Un'insolita Londra

È sempre una buona idea andare a Londra… e infatti noi l’abbiamo vista già diverse volte, ma quest’ultima è stata un’occasione speciale, si perché siamo andati per un fine settimana a trovare il cugino di Iacopo, Andrea, nonché nostro affezionatissimo follower ( e per questo lo ringraziamo!) che lavora li da un pò di tempo e conosce quindi la città abbastanza bene. Visto che il classico giro noi lo avevamo già fatto abbiamo avuto il piacere di farci guidare da lui in una Londra un po’ insolita, e l’abbiamo vissuta come se fossimo dei veri londinesi e non dei turisti.

Iniziamo la mattinata con una bella passeggiata nel parco di Prime Rose Hill, situato nella parte nord di Londra, nella zona di Regent’s Park. Questa collina di 78 mt di altezza , lontana dal caos della capitale è forse uno dei punti panoramici più belli di tutta la città. Ed è qui che i londinesi vengono a rilassarsi e godersi un po’ di verde.

Prime Rose Hill

Proseguiamo a piedi e tra una chiacchierata e una foto per Instagram ci troviamo dentro Camden Town. Sicuramente uno dei luoghi più alternativi di Londra, con i suoi mercati come il Camden Market dove si possono assaporare un po’ tutte le cucine del mondo. Sulla Camden High Street si viene invece immediatamente attratti dalle figure giganti che campeggiano nella parte alta dei negozi dove si può acquistare veramente di tutto.

leggi di più 1 Commenti

La Nostra Lista di Viaggio

Una sezione dedicata a cosa portare in viaggio, non poteva certo mancare.

Per diventare un vero viaggiatore si sa…serve esperienza e come dice il proverbio sbagliando si impara.

Senza fare nomi a uno di noi quattro, durante uno dei nostri primi viaggi, capitò di essersi dimenticato a casa la carta di identità (leggere articolo correlato), e di essersene accorto solamente all’aeroporto.

Questo per dire che anche l’organizzazione e soprattutto la scelta di cosa portare e cosa mettere in valigia è fondamentale. I primi anni i nostri bagagli erano valigie da 10/15 kg dove dentro mettevamo l’intera casa… ma finiva sempre che di tutte quelle cose ne utilizzavamo solo una minima parte.

Negli anni invece i nostri viaggi sono diventati “zaino in spalla” e gli oggetti da portare, capite bene che si sono dovuti notevolmente ridurre, tuttavia bisogna si portare l’indispensabile ma anche ciò di cui potremo aver bisogno, soprattutto se si tratta di diversi giorni.

Noi solitamente ci organizziamo facendo una lista tipo questa:

BEAUTY CASE

 -Trucchi e struccanti (per le gemelle)

-Lamette/Silkepil (sempre per le gemelle)

-Rasoio/tagliapeli per il naso di Panasonic (per info cliccate il link) per i cognati,

perché va bene che i nostri viaggi a volte sono un pò avventurosi e selvaggi, ma i peli anche no!!!

Per quest’ultimo vi segnaliamo quello della Panasonic, che a detta dei cognati Iacopo e Matteo è davvero ottimo. Così potranno continuare ad andare in giro per il mondo senza essere scambiati per degli Orangotanghi del borneo indonesiano , e anche se loro continuano a sostenere che l’uomo deve essere peloso, non hanno capito ch a tutto c’è un limite.

Battute a parte continuiamo con la nostra lista…

-Shampoo e bagnoschiuma (possibilmente i campioncini monodose per riuscire ad ottimizzare sia lo spazio che il peso in valigia)

-Spazzolino da denti e dentifricio

-Deodorante e profumo

-Medicinali vari

leggi di più 1 Commenti

Non dimenticate Carta d'identità/Passaparto

Anno 2012

Destinazione Marocco!

Appena arrivati all’aeroporto di Pisa:

“Ragazzi abbiamo preso tutto vero? Soldi… carta d’identità… Franci… te??!

Avete presente quei momenti in cui dici “NO!! NON STA SUCCEDENDO, NON E’ POSSIBILE!!!

E invece purtroppo realizzi che è tutto vero e l’hai appena combinata grossa.

“Oh Ohps… mi sa che me la sono dimenticata a casa!!!”

Alla fine ci è toccato tornare indietro e non sappiamo ancora come siamo riusciti a prendere quel volo, ma vi lascio solo immaginare quello che mi hanno detto dopo!!!

Oggi però, passaporto e carta d'identità sono le prime cose che metto in valigia.

0 Commenti

ATTENZIONE AI DIVIETI!!!

Questa Rubrica nasce dalla nostra convinzione che tra i momenti più interessanti di un viaggio e che maggiormente si ricordano, ci siano proprio le disavventure. Un viaggiatore sa che gli inconvenienti possono accadere ma il segreto sta nel vederli e nel trasformarli in momenti esilaranti. Certo non è sempre facile e ci sono inconvenienti più o meno grandi, ma ogni volta che a noi sono capitati, nel ricordarli ci siamo sempre fatti tante e tante risate.

Come quella volta che ci trovavamo all’interno del Palazzo Reale di Bangkok in Thailandia.

Stiamo entrando nel Tempio del Buddha di Smeraldo e  i cartelli all’ingresso indicano che è severamente vietato scattare foto, ma incurante del divieto Matteo prende il suo Iphone nuovo  e inizia a fotografare. Noi essendo più avanti , nemmeno ce ne accorgiamo, ma immediatamente una guardia lo vede e gli sequestra il telefono. Al momento che ci rendiamo conto anche noi della situazione iniziamo a supplicarlo di restituircelo. Matteo in tutto questo nega spudoratamente di aver fatto la foto ma la guardia è integerrima. Deve intervenire la nostra guida che ci suggerisce di metterci a pregare Buddha. Noi ci inginocchiamo e ubbidiamo. La situazione è tragicomica.. dopo circa mezz’ora quando ormai il telefono sembrava perduto, la guardia forse impietosita, ce lo restituisce… in tutto questo la foto non era nemmeno venuta. Morale della favola....

Bisogna sempre rispettare i divieti!!!

0 Commenti

Cosa vedere in un giorno a Pirano

Pirano o Piran in lingua slovena, è una deliziosa cittadina di mare che si affaccia sulla costa adriatica a pochi chilometri dal confine italiano. Questa località facente parte della regione carsica rappresenta una delle mete turistiche più visitate dell’intero territorio sloveno, in particolar modo durante il periodo estivo.

E’ veramente gradevole perdersi fra le sue stradine tortuose, osservare i suoi palazzi in stile gotico-veneziano o passeggiare lungomare fino ad arrivare alla Punta.

I cognatintrip in Piazza Tartini

leggi di più 0 Commenti

10 cose da non perdere la prima volta a Madrid

leggi di più 2 Commenti

Un Carnevale da 100 e lode

Domenica 25 Febbraio 2018, era circa un mese che avevamo segnato questa data sul calendario dei nostri viaggi, perché non potevamo perderci la giornata conclusiva del Carnevale di Cento, giornata nella quale è stato proclamato il carro vincente, che il prossimo anno sfilerà al Sambodromo di Rio durante i festeggiamenti del Carnevale più famoso al Mondo.

Si avete letto bene, perché il Carnevale di Cento è l’unico in Europa ad essere gemellato con quello di Rio de Janeiro, un filo diretto che consente a questo avvenimento una certa notorietà, tale da richiamare non soltanto gli abitanti della cittadina ferrarese, che festanti animano Piazza Guercino, ma anche molti turisti italiani e stranieri.

Ogni anno la manifestazione vede la presenza di numerosi volti illustri del mondo dello spettacolo, della musica e del cinema, che confermano ancora di più l’importanza di questo spettacolo di folklore.

Ma le vere protagoniste sono le cinque associazioni che prendono parte alla gara, che vi abbiamo elencato nell’ordine in cui hanno sfilato in questa edizione: Mazalora, I Ragazzi del Guercino, Toponi, Fantasti100 e Risveglio.

I carri allegorici che realizzano sono delle vere e proprie opere d’arte, delle costruzioni in cartapesta alte più di venti metri, che sovrastano anche i palazzi circostanti.

Matteo sotto l'imponente carro dei "Ragazzi del Guercino"

leggi di più 1 Commenti

3 Giorni in Emilia Romagna

Molto spesso (anzi troppo spesso) ci troviamo di fronte al problema di non avere abbastanza ferie per poter viaggiare quanto vorremmo. Così, con il calendario in mano, ci organizziamo per sfruttare possibili ponti o fine settimana lunghi per andare via anche tre giorni, in giro per la nostra bella Italia, cogliendo così l’occasione per visitare città che non ricordavamo o sapevamo essere così belle.

Un esempio di miniviaggio che a noi è piaciuto moltissimo e che abbiamo fatto nel periodo di capodanno potrebbe essere San Marino-Ferrara-Bologna.

Per quanto riguarda San Marino abbiamo avuto la fortuna di trovarla in un’insolita veste, in uno scenario fiabesco, completamente innevata, regalandoci panorami ed immagini mozzafiato.

San Marino sotto la neve

leggi di più 0 Commenti

Civita di Bagnoregio: La città rinata

Metti un week end non particolarmente freddo di metà gennaio, la necessità di staccare dal quotidiano e la voglia incontenibile di viaggiare; è così che è nata l’idea di partire alla scoperta di alcuni borghi della Tuscia viterbese.

Quello che senza dubbio ci ha trasmesso maggior stupore e curiosità, anche perché ultimamente riscoperto dal turismo, è stato il borgo antico di Civita di Bagnoregio, conosciuto come la “città che muore”. Affacciato su una vallata dominata dai calanchi, creste d’argilla formatosi dall’erosione del terreno, offre uno dei panorami più belli che abbiamo visto sul nostro territorio italiano.

Vista panoramica sulla Civita

leggi di più 1 Commenti