LUBIANA: MINI – GUIDA DELLA CAPITALE SLOVENA

Lubiana è una delle capitali più piccole d’ Europa ma allo stesso tempo è anche una città dove si ha un’ottima qualità della vita.

Infatti è considerata una tra le più “green” del vecchio continente, al punto da spingere la Commissione Europea a concederle l’ambito premio di “Capitale Verde d’Europa” nel 2016, ed ottenendo successivamente una serie di riconoscimenti internazionali per il turismo sostenibile.

Ecco alcune dritte che potrebbero tornarvi utili se decidete di visitare la capitale slovena.

QUANDO ANDARE

Il periodo migliore per visitare Lubiana va da fine marzo a settembre, periodo nel quale le temperature miti della primavera consentono di passeggiare lungo le sponde della Ljubljanica, alternandosi ad estati vivaci e ricche di eventi. Tra novembre e febbraio il clima non è favorevole sia per le basse temperature che per la maggiore frequenza di precipitazioni.

COME ARRIVARE

Lubiana trovandosi a solo un’oretta di distanza dal confine italiano, è facilmente raggiungibile in auto, o in campercome abbiamo fatto noi (clicca qui per vedere il video) , soprattutto per chi parte dal centro-nord. In alternativa si può arrivare in:

  • Aereo, atterrando all’aeroporto Joze Pucnik che dista 26 km dal centro storico, e da qui usufruire dei mezzi pubblici, di taxi oppure noleggiando un auto per arrivare in città;
  • Treno, arrivando fino a Trieste e da qui con il servizio ferroviario sloveno spostarsi fino alla stazione centrale di Lubiana;
  • Autobus, che partono solo da alcune città principali italiane come Trieste, Venezia, Milano e Firenze

MEZZI DI TRASPORTO

Il modo migliore per spostarsi a Lubiana è passeggiando per le vie del suo centro storico, dal quale è possibile raggiungere qualsiasi punto d’interesse. Se pernottate in zone fuori città la soluzione oltre all’uso del taxi (molto economici) è quella di fare affidamento all’ottimo servizio di bus urbani che offrono corse ogni 15 minuti dalle 5.00 alle 22.30.

COSA MANGIARE

Avendo raggiunto l’indipendenza soltanto nel 1991, non si può parlare di una vera e propria cucina tradizionale, ma bensì di un mix di influenze enogastronomiche che vanno dall’Italia, all’Austria, all’Ungheria fino ad arrivare a quelle balcaniche. Quello che non può mancare in un pasto tipico sloveno, sono le zuppe, ed a Lubiana la più famosa è la Jota a base di carne, fagioli e crauti. Se andate in uno dei tanti ristoranti del centro non mancheranno di servirvi come antipasto il Kraski prsut, un prosciutto crudo tipico aromatizzato con le bacche di ginepro. Terminate il vostro pasto con uno dei numerosi dolci della tradizione, a nostro avviso un po’ calorici, tra i quali spicca la Potica un dolce di pan di spagna arrotolato ripieno di noci ed altre spezie varie. Un altro prodotto che si incontra spesso nella cucina slovena e che lo si trova in numerosi negozi di Lubiana è il miele, grazie alla presenza dell’ape autoctona Kranjska sivka, considerata una delle api più diffuse al mondo.

DOVE DORMIRE

La migliore zona per pernottare a Lubiana è nelle vicinanze della centralissima piazza Preseren, infatti questa area oltre ad offrire diverse alternative in termini di budget, permette di raggiungere in pochi attimi le principali attrazioni turistiche. Se come noi arrivate in città con il camper, vi consigliamo di fermarmi presso l’area “Camper Stop” un po’ piccola ma attrezzata di tutto l’indispensabile. Essendo un po’ fuori dal centro mette a disposizione una navetta 24h su 24h a pagamento (5 € a tragitto).

COSA VEDERE

CASTELLO DI LUBIANA: La nostra esplorazione inizia dal Castello di Lubiana che domina dall’alto con la sua imponenza. Per raggiungerlo ci sono due opportunità, o vi fate una bella camminata in salita percorrendo uno dei tre sentieri che partono dal centro città, oppure per i più comodoni c’è la funicolare che parte dalla Città Vecchia ed in pochi minuti vi conduce ai suoi piedi. Il castello può essere visitato autonomamente o prendendo parte a tour guidati che vengono condotti da guide in costume tipici. Da non perdere la vista panoramica della città dalla torre di guardi a situata sul lato sud-occidentale del cortile. Prezzo del biglietto: € 7.50 adulti – € 5.20 da 7 a 18 anni

PIAZZA PRESEREN: Senza dubbio la piazza più importante, e principale luogo di ritrovo degli abitanti della capitale. La statua che campeggia al centro è dedicata a France Preseren uno dei maggiori poeti romantici della cultura slovena. Qui potete fermarmi a fine serata ad uno dei tanti locali per riposarvi un po’.

PIAZZA KONGRESNI: La piazza del congresso è a nostro avviso una delle zone più eleganti dell’intero centro storico. Deve il suo nome al Congresso della Santa Alleanza che si svolse proprio a Lubiana nel 1821 tra i delegati della Prussia, dell’Austria, della Russia e del Regno di Napoli. Ospita nella parte meridionale il palazzo dell’Università ed è sede di numerosi eventi e concerti all’aperto che si tengono nel periodo estivo.

PONTI: Il fiume Ljubljanica attraversando con il suo letto la città, ha portato alla costruzione di numerosi ponti. I più famosi sono sicuramente il Triplice Ponte, formato da quello centrale di pietra del 1842 al quale l’architetto Plecnik quasi un secolo più tardi vi aggiunse altri due ponti laterali, creando così questa particolarità architettonica; il Ponte dei Draghi situato a nord-est della Città Vecchia e decorato ai quattro lati dalle famose sculture, rappresenta una delle fotografie più classiche di Lubiana; il Ponte dei Macellai considerato il luogo simbolo degli innamorati.

PARCO DI TIVOLI: Questo parco a poca distanza dal centro cittadino rappresenta il polmone verde della città. Progettato nel 1813 dall’ingegnere francese Blanchard e più volte ampliato negli anni, costituisce oggi un luogo ideale per fare passeggiate, escursioni in bicicletta o più semplicemente per riposarsi distesi su un bel prato.

Scrivi commento

Commenti: 0

Seguici anche tu!